Ma quante belle idee!

Sì ne abbiamo tante e sono tutte belle, anzi bellissime perché sono come noi, traboccano di Voglia di Vivere! E questa sana sensazione noi la manifestiamo scegliendo ciascuna i modi più adatti a dare soddisfazione, soprattutto ci piace stare insieme ma… siccome non sempre di questi tempi è possibile farlo trovandoci di persona, abbiamo escogitato alcuni piccoli trucchi. Perciò…

  • mettetevi ai fornelli… ops! No, non ai fornelli: prendete carta e penna per raccontare la ricetta dei vostri ricordi più cari, e poi mandatela per il concorso,
  • oppure, indossate le scarpe più comode e fatevi un bel giro in città, scattate le foto dei luoghi che più vi piacciono e poi… mandatele al concorso!

Sissignore! Quest’anno ne abbiamo due, ma sempre con l’intento di parlare di salute!

Vuoi saperne di più? Leggi il regolamento e poi decidi: noi ti aspettiamo, vedrai che sarà divertente!

A tavola con la tradizione: la giuria

Un programma di incontri bene articolato come quello previsto dal progetto “A tavola per prevenire, per guarire, per integrare” , non poteva che considerare il tema dell’inclusione culturale anche attraverso un’idea che stimolasse quanto più possibile la cultura del cibo. Voglia di Vivere ha scelto di valorizzare l’immenso patrimonio rappresentato dalla dieta mediterranea con il concorso “A tavola con la tradizione. In cucina fra le sponde del Mediterraneo” (leggi il REGOLAMENTO), invitando le persone a scrivere la ricetta che hanno più cara nella scatola dei loro ricordi per partecipare alla simpatica competizione.

Competizione che, nel peggiore dei casi, darà il piacevole sapore di… inchiostro? Non quello spruzzato da qualche cefalopode, ingrediente prelibato di alcune ghiottonerie, bensì quello che servirà a stampare librettino in cui saranno raccolte tutte ricette pervenute per la gara. Nel migliore dei casi, invece, potrà scapparci anche un premio, come previsto dal regolamento.

E come ogni competizione che si rispetti… abbiamo una giuria più che qualificata per valutare ciò che arriva: noi pensiamo proprio di aver trovato delle giudici ineccepibili. Per conoscerle cliccate sulla loro immagine.

Francesca Rafanelli (foto di Laura Pelagatti)

Alberica Girardi

Lisa Sequi

La camminata che vorrei: la giuria

Non c’è molto da dire sulle donne che compongono la giuria per l’edizione 2020 del concorso fotografico: “Che diamine” starete pensando “hanno scelto delle insulse di cui nulla ci sia da raccontare?” Naturalmente no! Mica possiamo affidare le vostre foto alle prime che capitano! Il fatto è che la scelta è andata su tre gentili signore dotate di grande talento come professioniste e, non da meno, di grande sensibilità. Su di loro non c’è molto da raccontare…di nuovo! Infatti, tutte e tre sono ben note in città, come anche a chi segue le attività di Voglia di Vivere.

Eccole qua le nostre giudici: clicca sulla loro immagine per conoscerle!

 

Sandra Marliani

Rossella Baldecchi (foto di Laura Pelagatti)

Laura Pelagatti

Se invece vuoi saperne di più sul concorso fotografico “Sento, vedo, racconto la Camminata che vorrei” clicca qui e leggi il REGOLAMENTO

La Camminata che vorrei

Il concorso fotografico “Sento, vedo, racconto. Il ritratto della salute”, per questa edizione 2020 cambia il sottotitolo, diventando “Sento, vedo, racconto la Camminata che vorrei”: nulla di patetico dal momento che non è un ripiego, anzi! Le regole di sicurezza antivirus richiedono il rispetto di alcune attenzioni, e visto che il nostro evento sta contando numeri importanti, non vogliamo certo mettere a rischio la salute… proprio noi che per vocazione la tuteliamo. Perciò, davanti a un bicchiere mezzo vuoto viene automatica la Voglia di… vederlo almeno mezzo pieno e cercare la soluzione per poterlo riempire, allo scopo di mantenere alto lo spirito della nostra Camminata in città e mantenerne il vigore con modalità covid-compatibili!

Se durante la prima domenica di ottobre non potremo essere di nuovo insieme, andando allegramente a scoprire scorci meno conosciuti di Pistoia, ciò non deve pregiudicare la possibilità di continuare a guardare la nostra bella città con gli occhi di chi voglia restarne affascinato da qualche prospettiva intrigante, o da insolite sfumature di rosa o di verde: in fondo, cosa è la fotografia se non il desiderio di fermare un’emozione consegnandola a memoria futura? E noi possiamo continuare a farlo, ciascuno per proprio conto ma unite nello spirito di condivisione che ci caratterizza. Poi, chissà, potrebbe essere proprio uno dei vostri scatti a suggerire percorsi e idee da mettere in pratica alla Camminata in città 2021, per la quale ci auguriamo di poter recuperare i consueti canoni che dal 2014 le hanno permesso di crescere sempre più bella e di successo.

Ma prima di armarvi di macchine fotografiche e obiettivi per inquadrare lo scatto del cuore, è utile dare una spolverata per ricordare l’idea ispiratrice della Camminata (che poi è la stessa che ha fatto nascere Voglia di Vivere), ovvero celebrare la salute coltivando la cultura del benessere: non a caso si è sempre tenuta in ottobre, mese dedicato alla prevenzione per il cancro alla mammella.

Fatto tutto questo siamo pronte a partire, la mattina del 1° ottobre taglieremo virtualmente il nastro di inizio alla terza edizione del concorso fotografico “Sento, vedo, racconto la Camminata che vorrei”: per avere più informazioni è sufficiente scaricare il REGOLAMENTO, contenente anche la scheda di iscrizione che dovrà essere restituita compilata in caso di adesione. Non resta che inviare le foto (entro il 15 novembre, seguendo le modalità indicate nel regolamento) e confidare nella buona sorte, affidata come sempre a una giuria eccellente.

La giuria è già pronta ad apprezzare ogni vostro scatto. Perciò, amiche e amici di Voglia di Vivere, sguinzagliatevi fra le mura della città come se… come se fossimo tutti insieme per il nostro consueto appuntamento, ma tenete gli occhi bene aperti perché potrebbero esserci altre novità interessanti. E pure altri gustosissimi concorsi!

 

Primizie d’autunno

È risaputo che le donne di Voglia di Vivere siano difficili da tener ferme, ma con questo autunno sembrano quasi superare le propria reputazione.

  • Una anticipazione la dettero lo scorso agosto, con un pomeriggio di lettura dedicato alla salute: in quella occasione, infatti, fu presentato ufficialmente il progetto “A tavola per prevenire, per guarire, per integrare”, che giovedì 24 settembre, apre una stagione tanto gustosa quanto variegata, corredata di concorso a tema di ricette etniche. Sbizzarrite la fantasia dei ricordi, di aromi e gusti che fanno parte della vostra memoria più cara.
  • Poteva forse mancare la Camminata in città, evento di punta di Voglia di Vivere? Certamente no, anche se a questo giro si presenta sotto una veste un po’ inconsueta: ma, d’altra parte, in conseguenza del Covid-19 di cose strane ne abbiamo viste molte durante questo strano bisesto. Così, la Camminata in città 2020 prende forma dalle immagini, quelle che saranno realizzate sulla spinta della terza edizione del concorso fotografico a lei dedicato dal titolo “Sento, vedo, racconto la Camminata che vorrei”, come invito a essere idealmente presenti all’appuntamento che negli anni scorsi ha mosso per le vie cittadine un allegro corteo di persone, entusiaste di prendere parte attiva nel formare la cultura della prevenzione. Questa volta si rivolge loro un invito a raccontare la Camminata per come l’avremmo voluta – e perché no! – per come potrà essere il prossimo anno, magari proprio sulla base degli spunti arrivati dalle foto… perciò, obiettivi alla mano che il concorso vi aspetta!
  • Così sarebbe già stato sufficiente, un bell’autunno variegato ma… l’abbiamo detto prima, alle volontarie la Voglia di Vivere la voglia di fare trasuda contagiosa: sull’onda del gradimento ricevuto alla scorsa edizione della Camminata in città, che aveva per tema conduttore le buchette del vino (TI RICORDI?), insieme al Centro Guide Turismo Pistoia ha in lavorazione una sorpresina molto interessante: presto sveleremo il segreto!

A tavola per…

Alcune persone vivono per mangiare: ci spiace per loro. Altre mangiano solo per vivere: per loro ci spiace un po’ meno, però se quando ti alimenti lo fai con lo stesso spirito con cui metti la benzina all’auto, sinceramente ci spiace anche per te. Poi c’è qualcuno che associa il cibarsi al piacere della convivialità, che lo fa per il gusto di assaporare il cibo come se questo fosse… una medicina (ma certamente non per buttare già le schifezze spacciate per cibo, questo proprio no!) nel senso insegnatoci dal buon Ippocrate quando affermava “Fa’ che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”. Con queste parole intendeva indirizzare le umane abitudini verso atteggiamenti alimentari sani, che aiutassero il corpo – e di conseguenza anche lo spirito! – a star bene, lasciandosi andare alla bellezza di odori e sapori del Mediterraneo, un invito a tenere una “dìaita” (ovvero uno stile di vita) salutare.

Assecondando questa filosofia, e confutandone la validità con dati scientifici, a metà anni Cinquanta del secolo scorso il fisiologo statunitense Ancel Keys avrebbe coniato il termine che a noi oggi sta tanto a cuore: “dieta mediterranea”, vale a dire un insieme di cibo semplice e di stagione, unito a movimento e aria pulita come sinonimo di salute. Magari fra i cibi di Ippocrate e quelli di Keys ci sono passati il Nuovo Mondo e tanti navigatori, ma il principio non cambia, riconoscendo alla semplicità del vivere un valore assoluto: tanto che UNESCO lo ha iscritto fra i beni immateriali patrimonio dell’umanità.

È da questo valore che si è generato il nuovo progetto di Voglia di Vivere, nato per informare sul benessere alimentare: “A tavola per prevenire, per guarire, per integrare”, finanziato dalla Regione Toscana e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha il partenariato di AIL (Associazione Italiana Leucemie) e il sostegno di SdS Pistoiese, SdS Valdinievole, oltre a contare della collaborazione di ARCI Provinciale, nei cui circoli sarà ospitato un ciclo di 4 incontri tenuti dalla dietista Lisa Sequi, da anni consulente nutrizionale di Voglia di Vivere, operativa sia all’ambulatorio della Associazione sia al Day Hospital oncologico del San Jacopo, allo scopo di prevenire le ricadute e a evitare la malnutrizione che può pregiudicare il percorso terapeutico. Accanto a lei si alterneranno rappresentanti delle istituzioni che promuovono il progetto nel calendario degli appuntamenti che si terranno sempre di giovedì alle ore 17,30:

  • 24 settembre, Circolo ARCI Bottegone
  • 1 ottobre, Circolo ARCI Le Fornaci
  • 15 ottobre, Circolo ARCI Santomato
  • 29 ottobre, Circolo ARCI Margine Coperta

La finalità è di riunire intorno a una tavola ideale le culture culinarie del bacino Mediterraneo, ripercorrendone storia, usi, costumi alimentari, andando alla scoperta non solo di cibi in sé ma anche delle tradizioni che rappresentano. Una ricchezza culturale che Voglia di Vivere invita a raccontare, attraverso il concorso “A tavola con la tradizione. In cucina fra le sponde del Mediterraneo” (per saperne di più leggi il REGOLAMENTO), sottolineando come il Mare Nostrum sia crocevia di culture e, di conseguenza, di crescita culturale.

SCARICA LA BROCHURE

Amici sotto gli alberi

A conclusione dei quattro incontri previsti nella rassegna Sotto gli alberi con tanta voglia di leggere, se ci soffermiamo a tirarne le fila possiamo scoprire una piacevolezza che sa veramente di buono, a cominciare dall’ospitalità di uno spazio meraviglioso, quello del Parterre, dove i tigli deliziano lo spirito con odori e frescura.

Una piacevolezza data anche nel gusto del ritrovarsi, seppure ancora mascherati ma con il sorriso negli occhi, a testimoniare che la socialità non passa solo dallo stringersi le mani.

È stato invece possibile stringere fra le mani un libro, e quelli scelti per gli incontri di lettura hanno dimostrato che un buon insieme di parole sa donare serenità e speranza.

Gradevolezza, poi, l’abbiamo letta nelle persone che hanno reso possibile realizzare tutto questo, a cominciare dal pubblico intervenuto, da lettori e relatori, dal Comune che ha sostenuto il ricco calendario di eventi organizzato dai padroni di casa, gli amici della Filarmonica Pietro Borgognoni.

A loro un ringraziamento speciale, perché va alla loro passione e determinazione il merito di aver permesso ai pistoiesi di riappropriarsi di uno spazio come il Parterre: oltre a farlo rivivere con tanti e interessanti appuntamenti estivi, non da meno hanno avuto una parte determinante nel sostenerne la candidatura come luogo del cuore FAI.

Dulcis in fundo, l’associazione Amici della San Giorgio, la cui presenza nell’organizzare e gestire gli incontri è stata determinante. Nota per l’attivismo che la fa essere in prima linea nella promozione della lettura, la associazione ha dato un segno concreto di solidarietà devolvendo a Voglia di Vivere i proventi della vendita dei libri usati, organizzata per l’occasione: intermediario privilegiato fra i lettori, gli Amici della San Giorgio accettano con piacere i libri letti per ricollocarli fra coloro che aspettano di leggerli, generando un circolo virtuoso di cultura che, come nel nostro caso, diventa segno tangibile di condivisione attribuendo al libro ancor più valore, visto che il ricavato contribuirà a mantenere attivi i servizi di supporto ai pazienti oncologici.

Con l’occasione ricordiamo che Voglia di Vivere ospita un punto prestito

Rete Documentaria Provincia di Pistoia

 

 

 

Messaggi in… codici

Articolo realizzato a cura dall’ambulatorio nutrizionale di Voglia di Vivere

Attenzione a come parlate… qualche losco soggetto potrebbe ascoltarci quindi… parliamo in codice! No, anzi, in codici, ovvero i preziosi strumenti che permettono ai consumatori di tutelare la propria salute con scelte sane e consapevoli. Secondo la normativa nazionale si definisce etichettatura “L’insieme delle menzioni, delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, delle immagini o dei simboli che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente sull’imballaggio o su una etichetta appostavi o sul dispositivo di chiusura o su cartelli, anelli o fascette legati al prodotto medesimo o, in conformità a quanto stabilito dalla legge, sui documenti di accompagnamento del prodotto alimentare”.

Il D.L. n 109 del 1992 è la normativa base che recepisce le direttive CEE 89/395 e 89/396, e alla quale sono state applicate diverse modifiche negli anni, le più importanti contenute nel Regolamento 1169/2011. Qualunque alimento destinato al consumatore finale o alle collettività è accompagnato da informazioni conformi al suddetto regolamento. Il campo di applicazione delle norme è legato a tre concetti di prodotto alimentare destinato al consumatore finale definiti nel D.L. n 109 del 1992:

  • prodotto preconfezionato: “l’unità di vendita destinata ad essere presentata come tale al consumatore ed alle collettività, costituita da un prodotto alimentare e dall’imballaggio in cui è stato immesso prima di essere posto in vendita, avvolta interamente o in parte da tale imballaggio, ma comunque in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata”.
  • prodotto preincartato: “l’unità di vendita costituita da un prodotto alimentare e dall’involucro nel quale è stato posto o avvolto negli esercizi di vendita”.
  • prodotto sfuso: prodotti alimentari non avvolti da alcun involucro, nonché quelli di grossa pezzatura anche se posti in involucro protettivo, generalmente venduti previo frazionamento.

Per quanto concerne l’etichettatura, i prodotti preincartati sono considerati al pari dei prodotti sfusi. Questi prodotti devono quindi essere dotati di un apposito cartello applicato ai recipienti che li contengono, sul quale devono essere esplicitati la denominazione di vendita, l’elenco degli ingredienti e le modalità di conservazione per i prodotti facilmente deperibili.

I prodotti preconfezionati, invece, devono obbligatoriamente riportare in etichetta le seguenti informazioni:

  1. la denominazione dell’alimento
  2. l’elenco degli ingredienti
  3. qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell’allegato II del Reg. 1169/2011 o derivato da una sostanza o un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata
  4. la quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti
  5. la quantità netta del prodotto
  6. il termine minimo di conservazione o la data di scadenza
  7. le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego
  8. il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare
  9. il paese d’origine o il luogo di provenienza
  10. le istruzioni per l’uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell’alimento
  11. per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, il titolo alcolometrico volumico effettivo
  12. la dichiarazione nutrizionale.

Quest’ultima informazione si riferisce alle calorie fornite in kcal e in kJ, e al contenuto di carboidrati, proteine, grassi, fibra e sale espresso in g su 100 grammi di prodotto.

Eventuali informazioni aggiuntive possono riguardare marchi come DOP, IGP e STG, certificazioni in grado di assicurarne la qualità al cliente.

La leggibilità dell’etichetta rientra tra i diritti del consumatore. Questa costituisce un elemento importante per la corretta ricezione e interpretazione delle informazioni, sulla base delle quali poter effettuare una scelta consapevole. Le informazioni illeggibili sul prodotto sono una delle cause principali dell’insoddisfazione dei consumatori nei confronti delle etichette alimentari. Pertanto, tutte le informazioni devono essere stampate con caratteri leggibili, indelebili e facilmente comprensibili in modo tale che non risultino ingannevoli o fuorvianti.

D’altro canto, al momento dell’acquisto il consumatore ha il dovere di leggere attentamente l’etichetta in quanto essa costituisce la fonte più immediata ed essenziale di informazioni relative all’alimento che andrà a consumare.

NEL DETTAGLIO ALCUNI CODICI SPECIFICI

 

Una boccata d’aria fresca

Ci voleva proprio, una bella boccata di aria fresca, ha fatto bene a tutti!

Soggetto di benessere è la cena svoltasi giovedì scorso, 16 luglio, al circolo ARCI di Candeglia: si è trattato di una edizione per certi aspetti insolita della tradizionale cena estiva, quella che abitualmente Voglia di Vivere dedica alle amiche per augurarsi buone vacanze. Le vacanze, infatti, quest’anno saranno in molti a non concedersele, un po’ per il timore del Covid-19 ancora in agguato, un po’ per le difficoltà economiche che hanno toccato molte famiglie, trovatesi nell’impossibilità di lavorare per mesi interi, proprio a causa del virus.

Allo stesso modo la nostra associazione, dopo aver chiuso forzatamente gli ambulatori (pur non avendo mai smesso di garantire la propria presenza), sta fronteggiando sia la difficile ripresa delle attività sia le ristrettezze conseguenti alla chiusura.

Voglia di Vivere vive di solidarietà e per la solidarietà, e nella cena di giovedì scorso ha trovato perfetta sintesi questo concetto avendo rappresentato sia un momento di convivialità, che ha fatto respirare nuovamente la piacevole aria del trovarsi insieme, sia un momento di generosità che ha permesso (grazie soprattutto a numerose donazioni spontanee) di dare anche alla associazione un po’ di respiro per affrontare le numerose spese che, covid o non covid, deve sostenere.

Un sincero grazie a tutti i presenti!

 

Una mela al giorno…

Sgombriamo il campo dai luoghi comuni, e impariamo (o reimpariamo) a fare la spesa, perché molto del nostro benessere parte proprio da lì: dalle scelte che facciamo su cosa acquistare e, non da meno, dove acquistarlo.

A cura di Lisa Sequi, responsabile dell’ambulatorio nutrizionale a Voglia di Vivere, e in collaborazione con ISPRO e la dottoranda Teresa Facchini, inizieremo a proporre una serie di… chiamiamole riflessioni alimentari, proprio allo scopo di fornire le indicazioni per una spesa alimentare che sia quanto più consapevole, responsabile, ovvero adeguata a supportare il nostro star bene.

Perciò, di seguito vi proponiamo, un menù di articoli saporiti e salutari: e non pensiate che la cosa non finisca qui, perché… abbiamo messo a bollire in pentola altre sorprese gustosamente interessanti!

Se avete Voglia di… mangiarsano, eccovi serviti!